SAC


Procedura aperta per appalto di servizi di architettura e ingegneria – CUP G17H03000130001 CIG 79099866F0

04 Luglio 2019

RISCONTRO ISTANZA

Istanza n° 1
Con riferimento alla procedura emarginata, quale Associazione di categoria rappresentativa degli organismi di Certificazione e Ispezione, formuliamo la presente per segnalare come lo “schema di parcelle” allegato alla presente procedura, sia in contrasto con l’art. 26 comma 7 D.Lgs. 50/2016
Il disciplinare di gara chiarisce che l'appalto prevede servizi di ingegneria inerenti la Progettazione, Direzione Lavori, Coordinamento sicurezza in fase di progettazione e/o esecuzione, contabilità e assistenza al collaudo, precisando inoltre (a pag. 8) che "ai sensi dell'art. 26, comma 7, del D.lgs. 50/2016, sono esclusi dalia partecipazione alla procedura coloro che hanno svolto le attività di verifica ai fini della validazione di cui al medesimo articolo”.
Si evidenzia, quindi che ai sensi della sopra richiamata disposizione codicistica “lo svolgimento dell’attività di verifica è incompatibile con lo svolgimento, per il medesimo progetto, dell'attività di progettazione, del coordinamento della sicurezza della stessa, della direzione lavori e del collaudo” e che tale principio è applicabile sia nei confronti dei concorrenti singoli che eventualmente nei confronti di concorrenti costituiti o intenzionati a costituirsi in RTI.
In considerazione di quanto sopra esposto, ritenendo che debba considerarsi mero errore materiale l’indicazione in parcella delle seguenti prestazioni:
- QbII.27- Supporto RUP: verifica della progettazione definitiva;
- QbIII.9 - Supporto al RUP: verifica della progettazione esecutiva
- QbIII.11 - Supporto al RUP: per la validazione del progetto.
Si invita Codesta Stazione Appaltante a procedere nel rettificare lo schema di parcella, stralciando le suddette prestazioni dagli importi a base di gara.
Il servizio di verifica preventiva della progettazione, ai sensi dell'art.26 del D.Lgs 50/16, delle opere previste nel Masterplan e nel piano investimenti dell'Ente gestore oggetto della procedura in oggetto, potrà trovare avvio e affidamento mediante procedura selettiva.

 
Risposta all’istanza n° 1
Con riferimento alla nota di Codesta Associazione, si conferma che il disciplinare di gara chiarisce che l'appalto prevede servizi di ingegneria inerenti la Progettazione, Direzione Lavori, Coordinamento sicurezza in fase di progettazione e/o esecuzione, contabilità e assistenza al collaudo e precisa inoltre (a pag. 8) che "ai sensi dell'art. 26, comma 7, del D.lgs. 50/2016, sono esclusi dalia partecipazione alla procedura coloro che hanno svolto le attività di verifica ai fini della validazione di cui al medesimo articolo”.
Si evidenzia, quindi che senz’altro lo svolgimento dell'attività di verifica è incompatibile con lo svolgimento, per il medesimo progetto, dell'attività di progettazione, del coordinamento della sicurezza della stessa, della direzione lavori e del collaudo e che tale principio è applicabile sia nei confronti dei concorrenti singoli che eventualmente nei confronti di concorrenti costituiti o intenzionati a costituirsi in RTI.
Il servizio di verifica della progettazione, ai sensi dell'art.26 del D.Lgs 50/16, delle opere previste nel Masterplan e nel piano investimenti dell'Ente Appaltante, sarà ovviamente oggetto di autonoma procedura selettiva.
Si conferma, in ultimo, che è da considerarsi mero errore materiale non aver escluso dallo schema di parcella le prestazioni:
QbII.27- Supporto RUP: verifica della progettazione definitiva;
QbIII.9 - Supporto al RUP: verifica della progettazione esecutiva
QbIII.11 - Supporto al RUP: per la validazione del progetto.

 

Ing. Luigi Bonfiglio
Responsabile unico del procedimento

Iscriviti alla nostra Newsletter

Rimani sempre informato sui servizi, le rotte e le attività dell'Aeroporto di Catania

Prenota Hotel